Le vele di Sara contro l’autismo

Standard
Ogni tanto ci sono storie di persone che è bello conoscere. Ci fanno capire molte cose e ce ne insegnano di più ancora. Come la Storia di Sara, bambina autistica, che vi riporto qui di seguito.  Amore e coraggio, in due parole.
_______________

Sara contempla il mare e sorride. Sara, dieci anni a luglio, nuota nel mare e rifiorisce. Sì proprio quel mare che Platone, 400 anni circa prima di Cristo, diceva lavasse i mali degli uomini. Sara è autistica e vive in un mondo tutto suo che non riesce a condividere con gli altri. Chiusura autistica, la chiamano gli specialisti, ovvero la tendenza di chi soffre per questo disturbo intellettivo a isolarsi ignorando il mondo e le persone che lo circondano. Una porta chiusa e miliardi di chiavi da provare. Senza mai darsi per vinti. Senza rinunciare a nessun tentativo. Giorno dopo giorno fino a vedere un leggero guizzo, una luce nuova negli occhi di quella figlia misteriosa.

 

Eusebio e Sara a bordo di Adagio Blu

Eusebio e Sara a bordo di Adagio Blu

«Nello stesso istante in cui ho scoperto che il mare era la chiave delle emozioni di mia figlia», racconta Eusebio Busé, papà di Sara, 40enne ligure di origine, piemontese di adozione, «ho deciso che sarebbe stato la mia casa, la nostra casa». Eusebio, addetto alla qualità di Michelin, ha venduto la sua abitazione e a maggio del 2012 ha comprato una barca di 11,5 metri, un’Oceanics 370, dove trascorrere l’esistenza. «Sara è dotata di un’acquaticità sorprendente», racconta orgoglioso Eusebio, «riesce a immergersi fino a quattro metri… ma soprattutto, quasi fosse un miracolo marino, la distesa d’acqua la stimola, la fa aprire e interagire con il mondo». La società degli altri, quella degli adulti e quello dei ragazzi con o senza disabilità. Adagio blu, questo il nome dell’imbarcazione acquistata in Francia nei cantieri Beneteau, è diventata presto il punto d’incontro di una comunità. «Ad agosto 2012 ho fondato l’associazione Hakuna Matata (“Senza pensieri” in Swahili) al cui interno si sviluppa il progetto S.a.r.a, acronimo per Sostegno ai ragazzi autistici». La barca, ancorata al porto di Loano che mette a disposizione anche i locali per le manifestazioni, viene data in comodato d’uso all’associazione che la utilizza per far vivere una giornata di mare alle famiglie con bambini con disabilità.

«Quasi fosse una terapia», spiega Busè che nel progetto ha coinvolto anche gli esperti del servizio di Neuropsichiatria infantile di Cuneo, «riusciamo a portare un po’ di serenità a questi bambini. E’ un’emozione impagabile poter guardare negli occhi felici un bimbo con disabilità intellettive seduto al timone della barca quando dispieghiamo i 135 metri quadri di vela. Si sente realmente importante, fiero e allo stesso livello degli altri membri dell’equipaggio». La magia della galleggiabilità, la chiama Busè, il fascino che un guscio di noce o un grande veliero producono su piccoli e adulti, il pensiero di essere in balia delle onde e di uno sterminato mare e allo stesso tempo sentirsi protetti da quel piccolo involucro di vetroresina. Sentirsi un vero equipaggio, il tutti per uno e uno per tutti se volessimo dirla alla maniera di Dumas (padre), che permette di condividere le emozioni e di sentirsi una famiglia.

«Le prime volte che portai mia figlia in barca lo feci perché volevo condividere con lei le emozioni del mare, quasi fosse un campeggio marittimo», confessa Busé. «Ci sono riuscito e ne sono stato ripagato tanto che ora voglio, attraverso l’associazione, far ripetere le esperienze ad altre famiglie, aiutarle a vivere qualche momento di serenità tutti insieme. E’ sorprendente vedere come, durante alcune manifestazioni che organizziamo (la prossima è domenica 30 giugno 2013 a Loano: info 339.4393029, hakunamataloano@gmail.com), le differenze si annullino. Un giorno una signora venne da me e mi chiese “ma quali sono i bambini con problemi?” Non li riconosceva in quella torma di ragazzi. Avevo vinto, ragazzi con e senza disabilità si erano mescolati in maniera tale che nessuno poteva fare distinzioni».

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...