Il maestro di arti marziali porta il karate ai disabili

Standard

Alla palestra Tora-Ki Dojo da 12 anni si allenano atleti con handicap

Il maestro Gianni Botte (nella foto a destra con la tuta scura, mentre spinge la carrozzina) commenta: «Il mio scopo è dar loro sicurezza, fargli fare ciò che fino a ieri gli avevano hanno detto di non poter fare. Io lo ripeto: non fermarti, prova».

«Luogo della via e dell’energia della tigre». Questa la traduzione dal giapponese di «Tora-Ki Dojo», nome dell’associazione sportiva di Rivoli che opera nella palestra della scuola «Don Milani». Una palestra speciale, per allievi speciali. Lì il maestro Gianni Botte, 5° Dan di Karatè e con il diploma nazionale di operatore sportivo per le disabilità, insegna l’antica arte marziale a giovani diversamente abili. Un’esperienza che porta avanti da 12 anni. 

COME GLI ALTRI, ANZI DI PIÙ

«La verità? Quando i soci dell’Audido di Alpignano, dove prima aveva sede l’associazione – precisa Botte -, sono venuti a chiedermi se volevo allenare ragazzi disabili ho avuto un po’ paura. Mi sono detto: già si fa fatica con i ragazzi normodotati». Ma come tutte le paure l’ha affrontata. «E uno psicoterapeuta un giorno mi ha detto – racconta – “guarda che non sono né disabili né diversamente abili, sta a te trattarli come gli altri, così li aiuti a superare i loro limiti. E come faresti con ragazzi normali, se sono bravi o se sbagliano glielo dici”. Così ho fatto».  

Oggi nella sua palestra si allenano con impegno e passione in sei. «Due con disabilità fisiche e quattro mentali – ammette -. Ma negli anni sono già venuti in dodici per avvicinarsi al karatè». E il limite della disabilità è solo un’asticella da superare un po’ alla volta. «Un ragazzo con paraparesi – dice – riusciva a stento a stare in piedi oggi tira calci sopra i 60 centimetri e fa i piegamenti. Cose normali per qualcuno, per lui dei limiti superati. Io lo ripeto: non fermarti, prova». 

UNA SQUADRA AFFIATATA

Il maestro segue alcuni di loro ormai da tanti anni. «I miei allievi storici sono Luca D’Ambrosio e Massimo Sorrentino – spiega Botte -. Luca ha vinto tantissime medaglie mondiali, europee e nazionali. Ed anche Massimo che ora deve prendere la cintura marrone». Poi c’è Mauro Straticò, campione nazionale Csen della sua categoria. E infine ci sono tre nuovi allievi. «Il karatè insegna una cosa importantissima: il rispetto di sé e degli altri – confida il maestro -. Il mio scopo è dar sicurezza, fargli fare ciò che fino a ieri gli avevano hanno detto di non poter fare».  

Ma tutto questo costa fatica e anche soldi. «Non avendo sponsor le spese ricadono su di noi – confessa -. Però dopo tutti questi anni insieme, devo dirlo, mi sono innamorato di loro. E forse sono cresciuto più io stando con loro, di quanto loro sia cresciuti loro con me». 

(La Stampa)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...