PER “UNO SVILUPPO INCLUSIVO DELLA DISABILITÀ”: APPROVATO A NEW YORK IL DOCUMENTO FINALE

Standard

Si chiude il “meeting di alto livello” sulla disabilità, si apre l’Assemblea generale della Nazioni Unite. A firmare il documento, presente anche il ministro Giovannini: “Il governo italiano sta facendo passi avanti, come il programma biennale”

Si è svolto ieri, a New York, il “meeting di alto livello” sulla disabilità, che ha aperto la 68° Assemblea delle Nazioni Unite. “a strada da seguire: un’agenda per lo sviluppo inclusivo della disabilità, verso il 2015 e oltre” è stato il tema introno al quale si sono confrontati, prima in plenaria poi divisi in due gruppi di lavoro, i delegati dei diversi Stati: rappresentanti delle istituzioni, ma anche delle associazioni e delle organizzazioni di disabili. E’ stato discusso e firmato dai partecipanti il documento finale proposto dal Presidente dell’Assemblea generale, che riafferma l’urgenza di rafforzare l’inclusione delle persone disabili nei processi di sviluppo e di cooperazione. “Era presente, tra gli altri, il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Enrico Giovanni, che ha definito le persone con disabilità “non un problema, ma un capitale umano”. Negli ultimi mesi, “il governo italiano ha compiuto passi avanti”, ha detto ancora il ministro, ricordano in particolare l’approvazione, nel giugno scorso, del Programma d’azione biennale per la disabilità. “Abbiamo rifinanziato il fondo per l’occupazione e l’assunzione dei disabili – ha aggiunto – che era stato azzerato dal governo precedente”. Tale fondo ammontava “in passato a 40 milioni di euro, poi è diventato di 2 milioni e ora è tornato a 22. Non possiamo investire di più per ora, vista la crisi, in tutto il settore del lavoro”, ha precisato il ministro, ribadendo però che non si deve correre “il rischio che i disabili vengano ghettizzati. Mi sono reso conto – ha concluso – che tanti Paesi guardano all’esperienza italiana come a un esempio”.
Tra i contributi portati all’Onu dalle diverse organizzazioni, c’è l’ultimo video della campagna “Say yes to inclusion”, realizzato promosso dall’organizzazione “End Exclusion”. Si tratta di una campagna mondiale per l’inclusione delle persone disabili nella lotta contro la povertà, nell’ambito della quale si stanno realizzando e pubblicando video provenienti da tutto il mondo. “Le persone hanno dato il loro supporto – si spiega nel video – scattando fotografie e girando video in cui danno il segno ‘sì’nella loro lingua dei segni locale”. Da febbraio – data di avvio della campagna, “abbiamo raccolto 15mila contributi, tra foto e video – riferiscono gli organizzatori – da 62 paesi diversi”.
(superabile.it)

di Giovanni Cupidi